Creare un Sito Web da solo?

Vuoi creare il tuo sito WordPress da solo? OK! Vuoi farlo nel modo giusto?
Sappiamo che l’avvio di un sito web può essere un pensiero terrificante specialmente quando non sei uno specialista. Indovina un pò – non sei il solo. Dopo avere aiutato oltre 130.000 utenti a iniziare a creare il proprio sito web, abbiamo deciso di creare la guida più completa su come avviare un sito web con WordPress senza avere alcuna conoscenza tecnica.

Seguii tutti i nostri articoli e ci riuscirai anche tu.

Il WebMaster è da sempre una figura professionale che nella mente di chi realizza un sito web ha assunto fin dai primi anni 2000,  un immagine sempre più mitologica.

Inizialmente infatti era percepito come un superuomo, generalmente dotato di lenti spesse sopra il naso, che si occupava nell’ordine(notare come Aranzulla torni continuamente nei nostri cliché) di:

  1. Creare Contenuti
  2. Setting dei Server;
  3. Sviluppo software;
  4. Gestione campagne Pubblicitarie;
  5. SEO;
  6. Divisione delle acque del Mar Rosso;
  7. Grafica;
  8. Farci guadagnare un sacco di soldi;
  9. Fornire illuminazioni a sfondo religioso;
  10. Assistenza tecnica al sito web;

Negli anni, soprattutto negli ultimi 5 o 6 questa figura è sempre più sfumata sostanzialmente a causa:

  • Dei fallimenti, a cui si va incontro quando ci si affida mani e piedi con larghi anticipi a un agenzia;
  • Del ruolo sempre più  preponderante di un sito web per un azienda;
  • Del fatto che chi investe nel web, oggi è anche costretto a studiare, perché la crisi è molto forte e non può permettersi troppi errori;
  • Del mercato, che è sempre più ricco di persone che ritengono di essere formate per un ruolo, ma nella realtà non lo sono o lo sono solo teoricamente.

Utilizzando l’intelligenza di Google abbiamo messo assieme alcune interessanti risposte fornendo anche il nostro apporto di contenuto per fornire il corretto identikit di un Web Master, per dipanare (o almeno per tentare di farlo) la coltre di disinformazione che sta dietro a questo termine che aggrega ormai per lo più tutte le percezioni di ciò che di più negativo o di esageratamente positivo si pensi delle tante figure tecniche, che popolano il web quando non le si conosce o si pensa che siano tutte la stessa persona.

cugino webmaster

Il Cugino e il Nipote

Tutti i cugini e i nipoti sono Webmaster. Se sei cugino di qualcuno potresti essere un Webmaster senza saperlo.

Tornando a esser seri…

Quindi che cos’è un Webmaster?

Un Webmaster è qualcuno che crea e gestisce il contenuto e l’organizzazione di un sito web, gestisce il server del computer e gli aspetti di programmazione tecnica di un sito web o fa entrambe le cose. Le aziende che fanno pubblicità per un Webmaster variano nell’uso del termine.

Qual è il ruolo di un Webmaster?

Un webmaster può tenere d’occhio tutto ciò che riguarda un sito web. Monitora(il grassetto non è a caso) le prestazioni con i motori di ricerca, la funzionalità, la velocità e il design. I webmaster tengono anche traccia dei contenuti, delle campagne e degli sforzi di marketing.

Questa figura supervisiona il lavoro di tanti tecnici.

Chi potrebbe definirsi oggi un Webmaster?

Uno studio sull’esperienza utente  condotto da Google ha rivelato che pochissimi professionisti del web oramai si identificano più come webmaster. È più probabile che si chiamino Search Engine Optimizer (SEO), marketer online, blogger, sviluppatore web o proprietario del sito, ma pochissimi come “Webmaster”.

WebMaster quindi è un termine Obsoleto?

È l’anno 2022; i siti Web sono interattivi, dinamici e indispensabili per le operazioni aziendali. Sono il centro di comando centrale per un approccio di marketing solido e sfaccettato da parte di un azienda.

In un certo senso, un sito web è un organismo. È un sistema complesso che funziona bene solo quando varie parti indipendenti lavorano insieme in armonia. Se guardassi il tuo sito web al microscopio, cosa troveresti?

Forse SEO e social media servirebbero da sistema respiratorio, creando nuova vita… forse password, firewall e protocolli di crittografia sono la pelle, i globuli bianchi e la milza… il server potrebbe essere il cuore… il sistema di gestione dei contenuti potrebbe essere il cervello… con script e codice che trasportano informazioni e linfa vitale come nervi e vene.

Per prendersi cura e “mantenere” queste parti indipendenti, molti di noi si rivolgono a un’unica società di sviluppo web, a un appaltatore o cercano di assumere qualcuno internamente.

Oppure decidono di prendersi cura di alcuni aspetti come quello di creare il sito web e poi gestire i rapporti con Tecnici e Server Farm.(Questo richiederà un enorme sforzo di umiltà e di crescita personale e culturale).

Questa tendenza certamente esiste e noi la affrontiamo nel migliore dei modi fornendoti Guide, Video, Blog Post che ti aiutano, a cogliere questa esperienza di vita estremamente importante ma anche complessa.

Crediamo infatti che la figura che stia venendo fuori in modo sempre più preponderante sia il Web Manager(quello che in un tempo pre crisi chiamavano project Manager).

Cos’è un Web Manager?

I gestori di siti Web o WebManager sono specialisti IT che aiutano le organizzazioni gestendo il loro sito Web. Supervisionano la funzionalità del sito Web, valutano e gestiscono le prestazioni del sito Web, facilitano l’hosting e la gestione dei server e sviluppano, mantengono e aggiornano i contenuti del sito Web.

Quale tipo di formazione dovrebbe avere un Web Manager?

Di seguito ecco i requisiti del Manager di  un  sito Web fornitaci da un Agenzia interinale che ne cerca uno:

  • Una laurea in informatica, informatica, ingegneria dei sistemi o qualifica correlata.
  • 2 anni di esperienza lavorativa come web manager.
  • Conoscenza approfondita della suite Adobe, dei sistemi di gestione dei contenuti e degli standard Web W3C.
  • Ottima conoscenza di HTML, XHTML, progettazione CSS, compatibilità cross-browser e multipiattaforma, firewall (funzionalità e manutenzione), Access, MySQL e JavaScript.
  • Ottima conoscenza dell’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) e del pagamento per clic (PPC).
  • Capacità di risolvere i problemi del sito Web in un ambiente frenetico.
  • Forte attenzione ai dettagli con una mente analitica e spiccate capacità di problem solving.
  • Eccellenti capacità di creazione di contenuti e scrittura.
  • Fantastiche capacità di gestione del tempo con capacità di multitasking.

Se hai intenzione di crescere in questo settore certamente diventare così esperto può servirti ad avere un buon rapporto con i team che lavorano insieme a te ed elaborare i feedback che ti vengono inviati.

Ma ciò che manca tra le caratteristiche richieste in questo annuncio, è proprio la capacità di mettersi in relazione con altri professionisti, che fanno la loro parte e a cui manca il quadro generale, che il Web Manager dovrà far quadrare.

In questo caso la caratteristica importante è proprio una grande umiltà e capacità di ascolto, e la proattività’.

Se vuoi crescere il tuo progetto Web tieni in seria considerazione questo articolo per capire come relazionarti con tutti i tuoi tecnici come:

  • Esperti di pubblicità
  • Tecnici Server e di rete
  • Esperti di Sviluppo Web(anche WordPress)
  • Grafico

Ognuno di questi possiede una profonda conoscenza nel proprio settore e può aiutarti se lo stimoli correttamente e far crescere il tuo progetto Web.

Altrimenti potresti imbatterti nella nascita di un mega cugino ovvero la nascita di Super Man!

Super Man

Il problema della nascita di Super man è un conosciutissimo pattern che si verifica nei team WEB con un budget più alto di mille euro.
Lo abbiamo chiamato “nascita di Super Man” perché, come tanti ci siamo chiesti:
Come mai i Super Cattivi esistono sempre solo in un mondo dove c’è un Super eroe buono che salva tutti?
Perché per raggiungere il suo obiettivo di salvarci, la terra viene sempre sostanzialmente distrutta?
Bene, nelle organizzazioni che hanno un responsabile di progetto, che non gestisce team o professionisti dedicati, spesso questa figura diventa operativa e deve mettere le mani su qualsiasi parte del o dei progetti, cercando di caricare contenuti, aggiustare graficamente, inserire righe di codice, configurare oggetti e magari anche fare un po di networking o creare per te una criptomoneta.
Per ognuno di questi settori esistono degli specialisti ma, a questa persona sarà richiesto di sapere un po’ di tutto.
Questo tipo di figure ibride (Project Manager)sono a volte ottime per selezionare del personale ma se la loro figura viene stressata(ovvero lo metti a smanettare sul tuo lavoro), può generare dei problemi, perché queste non devono diventare operative.
Quando le figure ibride diventano operative fanno tantissimo lavoro e si immolano per la causa, ma purtroppo compiono nel loro continuo lavorio, diversi errori fatali di superficialità.
Gli errori si riflettono sul progetto e chiaramente a un certo punto…vengono a galla!
Questa figura che si pone inizialmente come un problem solver(cioè dice cosa si deve fare per risolvere un problema) tende (se si mette a lavorare sul codice o sulla grafica di un sito) ad assumere le dimensioni di un Super Uomo (e può apparire come un salvatore per chi sovvenziona un progetto) ma in realtà è proprio il suo lavoro che, essendo troppo esteso e diposto su troppi campi, che diventa superficiale e crea delle approssimazioni nello sviluppo del progetto che gradualmente si trasformano in enormi falle.
Quando le falle generate da questo lavoro di rattoppo continuo vengono a galla, questa figura viene messa in pericolo e in discussione internamente quindi, nella migliore delle ipotesi può dire “scusate se ho agito così, ho sbagliato, ma pensavo fosse il meglio per noi”.
Nella peggiore delle ipotesi invece, se la prende con tutte o alcune delle parti terze creando i nemici di Super Man(Hosting Provider, Sviluppatori, Grafici, Macchinette del caffe, Governo etc. ). Questo è un comportamento naturale, perché vuole preservare il suo posto e non vuole essere il vaso di coccio tra i vasi di ferro.
Peccato che queste figure siano armi a doppio taglio, pericolosissime in quanto possiedono dei requisiti specifici:
    • Sanno cosa bisogna fare;
    • Sanno molte più cose di te che paghi;
    • Non si tirano indietro;
    • Agiscono!
    • Sanno a chi dare la colpa se qualcosa non va;

Come si riconosce se nella mia organizzazione c’è un Super Man?

Ci sono alcune caratteristiche specifiche che sono ambientali:

  • Non capisci niente di tecnologia e da solo selezioni una figura competente per gestire il tuo progetto;
  • Hai un progetto esteso e budget bassi;
  • Hai una persona sola a gestire il sito operativamente;
  • Cambi spesso fornitori o collaboratori;
  • Il progetto non decolla mai;

Se alcune o tutte queste situazioni, descrivono parti della tua avventura, si sono generati i presupposti per la “nascita di SuperMan”.

Quindi come devo comportarmi se ho un Superman?

Non fargli fare il Super Uomo. Il Super uomo non sa niente, ma sa di non sapere.

Questa è una dote che può essere valorizzata. Se lo ammetterà con te(se lo permetterai), avrai la sua dedizione, e le sue riflessioni aperte.

Devi ragionare e ponderare, non devi stressare questa figura, ma usare le sue capacità intuitive per selezionare i tuoi fornitori.

Se decidi di stressarlo e lo fai smanettare sul progetto:

A) Ammetti che le cose potrebbero andar male o potrebbero esserci problemi.

B) Non cercare colpevoli ma cerca soluzioni.

C) Cerca di non mettere Super Man nelle condizioni di doversi salvare il posto. Oppure per salvarsi creerà un nemico. Finto.

Quindi cosa devo fare per farmi creare un sito? O gestire il progetto di un sito?

Devi informarti innanzitutto su quale sia il tuo progetto e quale sia la tua missione nel Web.
Devi cercare di capire quali sono gli aspetti diversi che compongono la creazione e manutenzione di un sito ascoltando e leggendo in modo critico e cercando di approfondire gli aspetti che non conosci per riuscire a dialogare con i tecnici.

Ma quindi fare un sito di successo è così difficile?

Avere successo nel web è possibile e molto più semplice che nel mercato fisico della old economy.
Questo non vuol dire che sia facile. Sicuramente è un mercato molto tecnico.

Avere successo è più semplice sempre, se capisci chi è responsabile per il tuo successo, se hai un quadro chiaro di quali fattori fanno della tua, un azienda che può posizionarsi nel mercato.

Avere successo è  più facile se riesci a dialogare con i professionisti che ti circondano, se capisci le loro considerazioni, se resti forte e senza disperarti ti documenti per supportarli nel loro giornaliero lavoro e riesci a trasformare quella che può sembrarti inizialmente un orribile petulanza o una forma differente di Arabo in valore per il tuo sito web.

È infine importante capire dove ti trovi nel tuo progetto web, qual’è la tua figura dentro il tuo Progetto.

Ad esempio alcune semplici domande possono aiutarti:

Costruisci tu il tuo sito Web?

Fai tu la tua Seo?

Installi da solo i Plugin?

Qualcosa non funziona nel sito?

Gestisci tu le tue campagne di visibilità ?

In caso di risposta positiva di una o solo alcune di queste domande, il Web Master sei tu.

 

 

Vuoi eliminare un tema WordPress ma sei preoccupato che potrebbe non essere sicuro?

Se hai recentemente cambiato il tuo tema WordPress, allora potresti voler eliminare quello vecchio. Potresti anche avere alcuni altri temi WordPress preinstallati sul tuo sito Web che potresti voler rimuovere.

In questo articolo, ti mostreremo perché e come eliminare facilmente un tema WordPress senza influire sul tuo sito web. Se non sai ancora cosa sia un tema forse per te e’ meglio consultare questi 2 articoli della nostra Guida WordPress:

Perché eliminare un tema WordPress?

Se non utilizzi un tema WordPress, ti consigliamo di eliminarlo dal sito Web. Esistono diversi motivi per eliminare i temi WordPress inutilizzati.

I file dei temi di WordPress sono scritti in PHP e possono essere utilizzati per nascondere codice dannoso o malware sul tuo sito Web (ovvero se il tuo sito Web è stato mai compromesso).

A volte gli sviluppatori non autorizzati possono nascondere backdoor anche in temi non utilizzati.
Mantenerli installati sul server aumenta le dimensioni del backup e il plug-in di sicurezza di WordPress impiega più tempo per completare una scansione.
Continuerai anche a ricevere aggiornamenti per questi temi, anche se non li stai utilizzando affatto.
Molti utenti installano temi WordPress sui loro siti Web dal vivo solo per testarli.

Questo non è il modo migliore per testare un tema WordPress.

Ti consigliamo di utilizzare un sito di staging temporanea o un’installazione WordPress locale per eseguire tutti i test. In questo modo non influisce sul tuo sito web dal vivo e ti consente di offrire un’esperienza coerente ai tuoi utenti.

Qual è la differenza tra la disinstallazione e l’eliminazione di un tema WordPress?

WordPress ti consente di mantenere un solo tema come tema attivo. Tuttavia, puoi installare tutti i temi che desideri sul tuo sito web.

Questi temi non saranno attivi, ma sono ancora installati sul tuo sito e continuerai a ricevere aggiornamenti per loro.

Per disinstallare completamente un tema WordPress, è necessario eliminarlo. Ciò rimuoverà tutti i file dei temi dal tuo sito Web.

È sicuro eliminare vecchi temi WordPress?

Sì, è sicuro eliminare un tema WordPress che non si sta utilizzando.
Ogni sito WordPress necessita di almeno un tema installato per funzionare correttamente. Questo è il tema che WordPress utilizzerà per visualizzare il tuo sito Web.
Puoi visualizzare il tema WordPress attualmente in uso visitando la pagina Aspetto »Temi. Il tema corrente verrà visualizzato come tema “Attivo“.

Tema WordPress AttivoTi consigliamo inoltre di mantenere un tema WordPress predefinito (ad es. Twenty Twenty o Twenty nineteen) installato sul tuo sito web.

Funziona come tema di fallback nel caso in cui il tema corrente non funzioni.

Se il tuo tema attuale è un tema child, dovrai anche mantenere il tema principale installato sul tuo sito web.

Oltre a questi temi, puoi tranquillamente eliminare qualsiasi altro tema installato sul tuo sito web.

Detto questo, ti mostriamo come eliminare un tema WordPress.

Preparazione prima di eliminare un tema WordPress

Se hai personalizzato un tema WordPress e desideri preservare tali personalizzazioni prima di eliminarlo, puoi creare un backup WordPress completo.

Puoi anche scaricare la cartella del tema sul tuo computer come backup.

scarica backup tema

Per fare ciò, puoi utilizzare un client FTP o l’app File Manager nella dashboard dell’account di hosting di WordPress.

Una volta connesso, vai su /wp-content/themes / cartella e scarica la cartella del tema inattivo sul tuo computer.

Dopo aver eseguito il backup sicuro del vecchio tema, puoi procedere all’eliminazione.

Eliminare un tema WordPress

Esistono diversi modi per eliminare un tema WordPress. Inizieremo prima con il più semplice.

1. Eliminazione di un tema WordPress tramite dashboard di amministrazione

Questo è il modo più semplice e consigliato per eliminare un tema WordPress.

Innanzitutto, devi andare alla pagina Aspetto »Temi e fare clic sul tema che desideri eliminare.

WordPress ora aprirà i dettagli del tema in una finestra popup. Devi fare clic sul pulsante Elimina nell’angolo in basso a destra della schermata popup.

Successivamente, ti verrà chiesto di confermare che desideri eliminare il tema. Fai semplicemente clic sul pulsante OK per continuare e WordPress eliminerà il tema selezionato.

cancellare tema da pannello wordpress

2. Eliminazione di un tema WordPress tramite FTP

Questo metodo è un po ‘avanzato, ma è utile se non riesci ad accedere all’area di amministrazione di WordPress.

Connettiti semplicemente al tuo sito WordPress usando un client FTP e poi vai alla cartella /wp-content/themes/.

Dopo aver eseguito il backup sicuro del vecchio tema, puoi procedere all’eliminazione.

cancellare tema via ftp

Da qui è necessario individuare la cartella del tema che si desidera eliminare. Fare clic con il tasto destro sul nome della cartella e selezionare Elimina.

Il tuo client FTP ora eliminerà il tema selezionato.

3. Elimina un tema WordPress usando File Manager

Se non ti senti a tuo agio con un client FTP, puoi anche utilizzare l’app File Manager nel pannello di controllo dell’hosting web.

Per questo esempio, mostreremo schermate dalla dashboard di hosting WP-Hosting.it. A seconda del provider di hosting, la dashboard del tuo hosting potrebbe apparire leggermente diversa.

Accedi alla dashboard del tuo account di hosting e fai clic sull’icona File Manager nella scheda Avanzate.

Questo avvierà il file manager in cui puoi sfogliare i contenuti del tuo server web come faresti con un client FTP.

Devi andare nella cartella /public_html /wp-content/themes /.

Eliminazione di un tema WordPress utilizzando il file manager

Successivamente, devi solo fare clic con il pulsante destro del mouse ed eliminare il tema di cui vuoi sbarazzarti, e questo è tutto.

Cosa fare se si elimina accidentalmente un tema WordPress?

Se hai eliminato accidentalmente un tema WordPress, ci sono diversi modi per ripristinarlo.

Innanzitutto, è possibile ripristinare il tema dal backup. Ciò è più semplice poiché molti plug-in di backup di WordPress consentono di ripristinare rapidamente il sito Web in una fase precedente.

Tuttavia, se non hai effettuato un backup, puoi ripristinare il tema scaricando e installando una nuova copia dello stesso tema.

Il rovescio della medaglia del secondo approccio è che perderesti qualsiasi personalizzazione effettuata sul tema.

Speriamo che questo articolo ti abbia aiutato a imparare come eliminare facilmente un tema WordPress.

 

Stai visualizzando “Fatal error: Maximum execution time of 30 seconds exceeded” sullo schermo quando tenti di aggiornare un plug-in o un tema WordPress?

In genere questo problema si verifica quando un codice PHP in WordPress richiede molto tempo per essere eseguito e raggiunge il limite di tempo massimo impostato dal server di hosting WordPress. Il limite di tempo è importante perché aiuta a prevenire l’abuso delle risorse del server.

In questo articolo, ti mostreremo come correggere l’errore Fatal Error: Maximum Execution Time Exceeded su WordPress

Perché si verifica l’errore del tempo di esecuzione massimo superato?

WordPress è codificato principalmente nel linguaggio di programmazione PHP. Per proteggere i server Web dagli abusi, esiste un limite di tempo per la durata di esecuzione di uno script PHP.

Il limite di tempo effettivo cambia tra le varie società di hosting, tuttavia la maggior parte delle volte il tempo di esecuzione massimo è impostato tra 30 e 60 secondi perché di solito è sufficiente per l’esecuzione di un buon script PHP.

maximum execution timeexceeded messaggio errore

Quando uno script raggiunge il limite massimo di tempo di esecuzione, e quindi lo supera, viene mostrato questo messaggio.

Tempo di esecuzione massimo di 30 secondi superato errore su WordPress

Risolvere l’errore tempo di esecuzione massimo superato

Sebbene l’errore del tempo di superamento del massimo tempo di esecuzione sia chiamato “errore fatale”, è uno degli errori di WordPress più comuni e puoi risolverlo facilmente.

A seconda di quando e dove viene attivato l’errore, WordPress potrebbe mostrare il seguente messaggio di errore ai visitatori del tuo sito Web.

difficolta tecniche

Difficoltà tecniche

Questo fa parte della caratteristica aggiunta in WordPress 5.2 “fatal error protection”. Potresti anche ricevere un’email che ti dirà quale plug-in (se un plug-in ha attivato l’errore) ha causato il problema.

email difficolta tecniche

Email per problema tecnico inviata all’amministratore

L’email includerà anche un link speciale, che ti permetterà di accedere a WordPress con “Modalità di recupero”.

Modalità di recupero

Una volta lì, puoi semplicemente disattivare o eliminare il plugin che causa l’errore.

modalita recupero wordpress

Tuttavia, se non desideri disattivare un plug-in, è possibile correggere la causa scatenante dell’errore.

Per correggere l’errore, dovrai modificare manualmente il tuo file .htaccess e aggiungere una semplice riga di codice.

Connettiti semplicemente al tuo sito Web utilizzando un client FTP.

Il tuo file .htaccess si trova nella stessa cartella delle cartelle /wp-content/ e /wp-admin/. Se non riesci a trovarlo, consulta il nostro articolo sul perché non riesci a trovare il file .htaccess e su come trovarlo.

Ad esempio, se utilizzi FileZilla come client FTP, è possibile trovarlo nella sezione “Remote Site” nella colonna di destra.

htaccess file filezilla

Una volta individuato il file .htaccess, fai clic con il pulsante destro del mouse e apri l’opzione “Visualizza / Modifica”. Questo aprirà il file con un editor di testo.

modifica htaccess file

Successivamente, è necessario aggiungere questa riga nella parte inferiore del file .htaccess:

  • | php_value max_execution_time 300

Se stai usando Blocco note come editor di testo, ecco come potrebbe apparire.

Una volta fatto, salva il tuo file.

Questo codice imposta semplicemente il valore per il tempo massimo di esecuzione su 300 secondi (5 minuti). Ora puoi visitare il tuo sito Web per vedere se l’errore è stato risolto.

Se l’errore persiste, provare ad aumentare il valore a 600.

Se hai trovato questo metodo più semplice, dai un’occhiata a questi trucchi .htaccess più utili per WordPress.

Un altro metodo per correggere l’errore di superamento del tempo di esecuzione massimo in WordPress consiste nel modificare il file php.ini.

Il file php.ini è un file di configurazione che definisce le impostazioni per PHP sul tuo server. Su molte piattaforme di hosting WordPress, potresti non vederlo nella tua cartella WordPress.

In tal caso, puoi creare un nuovo file php.ini nella cartella principale di WordPress. Successivamente, modifica il file php.ini e aggiungi la seguente riga.

  • | max_execution_time = 60

Non dimenticare di salvare e caricare nuovamente le modifiche sul server. Ora puoi visitare il tuo sito Web e vedere se l’errore è andato via.

Nella maggior parte dei casi, l’aumento del tempo di esecuzione massimo utilizzando uno di questi due metodi risolverà l’errore. Tuttavia, in caso contrario, è necessario contattare il provider di hosting WordPress per assistenza.

Speriamo che questo articolo ti abbia aiutato a correggere l’errore fatale: il tempo di esecuzione massimo è stato superato in WordPress. Puoi anche consultare la nostra guida su come correggere l’errore nello stabilire una connessione al database in WordPress.

Errore 502 Bad Gateway: perché accade e soluzioni

Tenti di caricare un sito Web e sullo schermo lampeggia questo messaggio: 502 bad gateway.

Questo errore è abbastanza fastidioso perché può essere causato da molte cose diverse.

Ciò significa che la risoluzione dei problemi relativi all’errore 502 Bad gateway non valido può richiedere del tempo. In questo articolo, ti mostreremo come risolvere facilmente l’errore 502 di gateway non valido in WordPress.

Perché ho un errore di 502 Bad Gateway?

Un messaggio 502 bad gateway accade quando un server  riceve una risposta non valida da un altro. In sostanza, ti sei connesso a una sorta di dispositivo provvisorio (come un server perimetrale) che dovrebbe recuperare tutti i bit necessari per caricare la pagina. Qualcosa in quel processo è andato storto e il messaggio indica quel problema.

502 Bad Gateway su WordPress

Un errore di 502 gateway non valido viene attivato quando il server di hosting WordPress ottiene una risposta non valida per la pagina richiesta.

L’errore di gateway errato è uno degli errori più comuni di WordPress che puoi incontrare sul tuo sito.

Può essere causato da una serie di motivi e, a seconda del server, il messaggio di errore potrebbe anche differire leggermente nell’aspetto.
Quando visiti un sito web, il tuo browser invia una richiesta al server di hosting. Il server di hosting quindi trova la pagina e la invia al browser con il codice di stato.

Normalmente, non vedresti questo codice di stato. Tuttavia, in caso di errore, il codice di stato viene visualizzato con un messaggio di errore. Esempi di tali errori includono gli errrori:

Il motivo più comune per un errore di 502 Bad gateway si verifica quando la risposta a una richiesta(ad esempio se lanci una ricerca su un motore di ricerca o clicchi un link su una pagina) impiega troppo tempo, quindi il server impiega troppo a rispondere. Questo ritardo può essere un problema tecnico temporaneo causato dal traffico elevato sul sito web.

Potrebbe anche essere un problema tecnico causato da un tema o plugin di WordPress mal costruito o non aggiornato. Ultimo ma non meno importante, può anche accadere a causa di un errore di configurazione del server.

Detto questo, diamo un’occhiata a come si può facilmente correggere l’errore 502 Bad gateway su WordPress.

Correggere l'errore 502 Bad Gateway

Questo errore si verifica in genere quando il server non è in grado d’individuare la causa della risposta non valida. Ciò significa che proveremo diversi passaggi per la risoluzione dei problemi fino a trovare il problema.

Cosa significa Errore 502?

L’Hypertext Transfer Protocol (HTTP), un insieme di regole che regolano il web rilasciato dall’Internet Engineering Task Force (IETF), governa ogni transazione internet. Nel sistema HTTP, i problemi hanno numeri

Il codice di stato 502, per IETF, indica alcune cose:

Proxy: se ricevi una nota di gateway errata, stai lavorando con un gateway o un server proxy.

Connection: il proxy ha provato a lavorare con il server di origine.

Error: il proxy ha ricevuto una sorta di risposta non valida dal server.

Il linguaggio numerico può sembrare confuso, ma in realtà è abbastanza efficiente. Un semplice numero ti dice molto sul motivo per cui la pagina non si carica.

Pronto? Iniziamo.

1: Ricarica il tuo sito web

A volte il tuo server potrebbe impiegare più tempo a rispondere a causa dell’aumento del traffico o delle scarse risorse del server. In tal caso, il problema potrebbe scomparire automaticamente in pochi minuti.

Dovresti provare a ricaricare la pagina web che stai visualizzando per vedere se questa è la causa.

Se questo risolve il tuo problema, allora non hai bisogno di leggere oltre. Tuttavia, se vedi questo errore frequentemente, devi continuare a leggere perché potrebbe esserci qualcos’altro che deve essere corretto.

2: Cancella cache del browser

Il tuo browser potrebbe mostrarti la pagina degli errori dalla cache. Anche dopo che il problema è stato risolto, vedresti l’errore 502 perché il browser sta caricando il tuo sito web dalla cache.

Per risolvere questo problema, gli utenti con sistemi operativi Windows / Linux possono premere i pulsanti Ctrl + F5 e gli utenti Mac OS possono premere i pulsanti CMD + Shift + R sulle loro tastiere per aggiornare la pagina.

Puoi anche rimuovere la cache manualmente dalle impostazioni del browser.
Dopo aver svuotato la cache di WordPress, prova a caricare nuovamente il sito Web.

Prova ad utilizzare un browser diverso per capire se il problema si verifica a causa della cache del browser. Se vedi l’errore su tutti i browser, continua a leggere.

3: disabilitare CDN o il firewall

Se stai utilizzando un servizio CDN o un firewall sul sito web, è possibile che i loro server stiano agendo. Per verificare ciò, è necessario disabilitare temporaneamente la CDN.

Una volta disabilitato, rimuoverà il livello aggiuntivo che è stato creato tra il tuo browser e il server di hosting. Il tuo sito Web verrà ora caricato interamente dal tuo server e se il problema è stato causato dal servizio CDN / firewall, sarà ora risolto.

È quindi possibile contattare il proprio fornitore di servizi CDN per supporto. Una volta risolto il problema, è possibile procedere e abilitare nuovamente il servizio CDN.

4: aggiorna temi e plug-in di WordPress

Se l’errore è ancora presente, il passaggio successivo è controllare il tema o i plug-in.

Innanzitutto, dovrai disattivare tutti i plugin di WordPress tramite client FTP. Successivamente, visita il tuo sito Web per vedere se l’errore è stato risolto.

Se lo è, allora uno dei tuoi plugin stava causando il problema. Ora devi attivare tutti i plugin uno per uno finché non riesci a riprodurre l’errore. Questo ti aiuterà a localizzare il plugin responsabile dell’errore.

Quindi dovrai trovare un plug-in alternativo o contattare l’autore del plugin per richiedere supporto.

Se la disattivazione dei plug-in non ha risolto il problema, ti consigliamo di controllare il tuo tema WordPress. Sarà necessario cambiare tema WordPress tramite phpMyAdmin.

Dopo aver cambiato il tuo tema, con il tema WordPress predefinito, visita il tuo sito web per verificare che funzioni. Se vedi ancora l’errore, continua a leggere.

5: Controllare il server di hosting

Se tutte le procedure di risoluzione dei problemi sopra menzionate non sono riuscite, è probabile che si sia verificato un problema con il server di hosting.

Devi contattare il team di supporto del tuo hosting provider e fargli sapere il problema. Puoi anche citare tutte le fasi di risoluzione dei problemi che hai seguito.

Tutte le buone società di hosting WordPress saranno in grado di risolvere rapidamente il problema se è causato da una errata configurazione del server.

È tutto. Speriamo che questo articolo ti abbia aiutato a imparare come correggere l’errore 502 Bad gateway su WordPress. Si consiglia inoltre di vedere la nostra guida completa per la risoluzione dei problemi di WordPress .

 

Articoli Consigliati

Hai mai riscontrato quel problema frustrante in cui WordPress continua a disconnettersi mentre scrivi?

Recentemente uno dei nostri utenti ha riscontrato questo problema. Ha seguito tutti i normali suggerimenti per risolvere gli errori WordPress, come disattivare i plugin, svuotare la cache, cancellare i cookie del browser e persino ripristinare WordPress da backup.

Nessuna di queste ha funzionato. Se stai affrontando questo problema, allora abbiamo una soluzione per te. In questo articolo, ti mostreremo come risolvere l’errore di WordPress che continua a disconnettersi.

Il problema è noto anche come problema di timeout della sessione di WordPress.

Perché WordPress continua a disconnettersi?

Per capire perché WordPress ti stia disconnettendo, devi capire come funziona il processo di login di WordPress.

WordPress imposta un cookie nel browser per autenticare una sessione di accesso. Questo cookie è impostato per l’URL di WordPress archiviato nella sezione delle impostazioni. Se accedete da un URL che non corrisponde a quello nelle vostre impostazioni di WordPress, WordPress non sarà in grado di autenticare la vostra sessione.

correggere impostazioni url incorrettoCome puoi vedere nella schermata delle impostazioni sopra, l’URL di WordPress e l’indirizzo del sito sono due URL diversi (uno ha www e l’altro no).

Risolvere il problema di accesso

Una semplice soluzione per questo problema di accesso è assicurarsi di avere lo stesso URL nei campi Indirizzo sito e Indirizzo WordPress nelle impostazioni di WordPress. Ciò significa che è necessario scegliere www o URL non www in entrambi i campi.

Accedi al tuo pannello di WordPress e vai su Impostazioni»Generale.

correggere impostazioni url

Se non puoi accedere all’area di amministrazione, puoi aggiornare questi campi modificando il file wp-config.php oppure modificando la tabella ‘options’ del database della tua installazione di WordPress.

Collegati al tuo sito web usando un client FTP e individua il file wp-config.php nella directory principale del tuo sito. È necessario scaricare questo file sul desktop e aprirlo in un editor di testo come Blocco note.

Aggiungi questo codice appena sopra la linea.  Tutto qui.

E ora puoi tornare a scrivere!

1
2
define('WP_HOME','http://esempio.com');
define('WP_SITEURL','http://esempio.com');

Se preferisci usare www nell’ URL, usa invece questo codice

1
2
define('WP_HOME','http://www.esempio.com');
define('WP_SITEURL','http://www.esempio.com');

Per modificare la tabella ‘options’ del DB di WordPress invece, collegati tramite phpMyAdmin e individua e modifica i campi “siteurl” e “home” come spiegato sopra!

Non dimenticare di sostituire esempio.com con il tuo nome di dominio.

Perché questa soluzione funziona?

Tecnicamente parlando, www è un sottodominio esso stesso. Ciò significa che gli URL con www e senza di esso sono in realtà due domini diversi.

Modificando e aggiornando gli URL allo stesso indirizzo, risolverai il problema.

Inoltre, è importante notare che impostazioni errate nei campi Indirizzo WordPress e Indirizzo sito possono causare molti problemi di reindirizzamento in WordPress.

Speriamo che questo articolo ti abbia aiutato a risolvere il problema di timeout della sessione di WordPress. In caso contrario, verifica come risolvere il problema di aggiornamento e reindirizzamento della pagina di accesso di WordPress.

 

 

Come aprire un account Stripe e integrarlo con il tuo sito ecommerce

Stripe Payment Gateway

Stripe è un gateway di pagamento online, rapido, sicuro e globale, che accetta carte di credito / debito e offre un’interfaccia utente semplice e intuitiva.

È talmente bello che ti convincerai prima di finire questo post del nostro blog. Segui questi semplici passaggi per aprire un account con Stripe.

Stripe è un ottimo strumento per ricevere pagamenti dai tuoi clienti sul tuo sito ecommerce, evitando forme complicate come PayPal, e offre anche tariffe più basse(/quasi la metà).

È un’alternativa perfetta se vuoi iniziare a ricevere pagamenti sicuri  e vuoi evitare malintesi di qualsiasi tipo. I

Un altro vantaggio su Paypal è che i tuoi soldi andranno direttamente sul tuo conto bancario.

Come aprire un account Stripe
Se hai già un account Stripe, vai direttamente al passaggio 5.

iscrizione stripe

Step 1: VIA!

Vai sul sito Stripe.com” e fai clic su “Start Now”

Compila il form di iscrizione con i tuoi dati come nell’immagine qui sopra.

conferma email stripe

Step 2: Iscriviti

Stripe ti invierà un email chiedendoti di confermare il tuo indirizzo email. Cliccando nel pulsante “Confirm Email Address”

Andrai direttamente sulla Bacheca Stripe che puoi vedere qui sotto:

 
bacheca stripe

Step 3: Conferma i tuoi dati

Clicca a sinistra(Sotto “Home”) il pulsante “Activate your account” e compila i dati selezionando:

  • il tuo paese (Italia)
  • Il tuo sito web (www.miosito.it/com etc.)
  • Seleziona la tipologia di azienda
  • Inserisci una descrizione della tua azienda e dei prodotti che vendi
  • Seleziona il tipo di Azienda (Type of Business)
  • Poi inserisci se lo hai il numero REA
  • Inserisci la tua Partita IVA
  • L’indirizzo della tua azienda (Indica via, numero civico, cap, città)
  • Inserisci i tuoi dati di amministratore(Nome, Cognome, Data di nascita, Codice Fiscale e indirizzo personale )
  • Puoi se vuoi verificare la tua identità con Linkedin, Facebook o Google .
  • Inserisci nel campo “Statement descriptor” il nome del tuo sito(es. Sitoazienda.it)
  • Nel campo Customer support phone number inserisci il tuo telefono aziendale
  • Infine inserisci i dati del tuo conto corrente aziendale (Valuta, Paese Banca,IBAN e conferma IBAN)

Ora clicca su Submit Application

Attiva quindi il tuo account

chiavi API

Step 5 – connettersi al sistema ecommerce

Per ricevere pagamenti sul tuo sito Web e registrarli sul tuo devi fare quanto segue:

1. Sulla bacheca Stripe fai clic nel menu a sinistra su  Developer >> API Keys (a sinistra appena sopra Webhooks)

2. Quindi la sezione apparirà con le API Key. Devi prima copiare e inviare al nostro sistema di Ticketing, le tue Api Key di test: Quindi in alto a dx (Immagine qui sotto) clicca sul pulsantino “viewing test data” che deve diventare arancione  per segnalare che sei in test.

Copia i codici di “Secret key” e “Publishable key” ovvero “Chiave segreta” e “Chiave pubblicabile”

api test stripe

Area APi Key di Test (Notare le cornici arancioni”Test DATA”)

Inviale alla nostra assistenza attraverso un Ticket. (Servizio incluso nel pacchetto Ecommerce Pro o Su Misura)

La nostra assistenza si occuperà di attivarle sul tuo sito, e una volta attivate le Api Keys di Test ti chiederemo di inviare le Api Keys di tipo “Live”

3. Quindi torna nel tua account Stripe e vai nell’area Developer > Api Key e in alto a dx (Immagine qui sotto) assicurati che il pulsantino “viewing test data” appaia grigio (Immagine qui sotto)
Copia i codici di “Secret key” e “Publishable key” ovvero “Chiave segreta” e “Chiave pubblicabile”

api live stripe

Inviale alla nostra assistenza attraverso un Ticket. (Servizio incluso nel pacchetto Ecommerce Pro o Su Misura)

La nostra assistenza si occuperà di attivarle sul tuo sito, Live.

E’ anche possibile configurare Stripe semplicemente dal pannello amministrativo cliccando su “Crea o Connetti un Account”:

Da: WooCommerce > Impostazioni > Pagamenti, seleziona “Stripe” e clicca su “Crea o Connetti un Account”. Verrai reindirizzato sulla procedura di registrazione / attivazione di Stripe!

Ci sono alcuni motivi per cui il tuo sito WordPress potrebbe essere stato  bloccato dall’amministratore di WordPress, diamo un’occhiata ad ognuna di esse una per una. Speriamo che attraverso questo processo di eliminazione, sarete in grado di capire la soluzione per il vostro problema.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Errore di connessione al database

Stai vedendo questo errore sul tuo intero sito? Il motivo per cui viene visualizzato questo errore è dovuto al fatto che WordPress non è in grado di stabilire una connessione al database. Questo potrebbe accadere per vari motivi. Potrebbe accadere se il tuo database è danneggiato per qualche motivo. Potrebbe accadere se il tuo server di hosting WordPress sta avendo alcuni problemi. Se questo è il tuo problema, fai riferimento alla nostra guida su come risolvere l’errore di connessione al database di WordPress.

Schermata Bianca

Stai vedendo uno schermo bianco sul tuo pannello di amministrazione di WordPress? Questo problema è spesso definito come lo schermo bianco della morte di WordPress. Di solito accade perché hai esaurito il limite di memoria. Potrebbe essere causato da un plug-in o tema mal codificato. Potrebbe anche essere causato da un web hosting inaffidabile. Se visualizzi questo errore, consulta la nostra guida su come correggere lo schermo bianco della morte di WordPress.

Problema di password errata

A volte, anche quando stai digiti la combinazione corretta di nome utente e password, vieni bloccato e non puoi accedere. Quando tenti di reimpostare la password, non ricevi l’e-mail d’impostazione nuova password. Questo può accadere sei vittima di un hacker. Ti consigliamo quindi di ripristinare la password di WordPress da phpMyAdmin.

Questo metodo può essere un po ‘difficile per i nuovi utenti, ma questa è la soluzione migliore.

Perso i privilegi di amministratore

A volte, potresti essere in grado di accedere al tuo pannello di amministrazione di WordPress, ma non vedi nessuna delle funzionalità di amministrazione. Ad esempio, nessun plugin, nessun tema, ecc. Questo potrebbe accadere se le tue autorizzazioni utente fossero state modificate. Spesso succede a causa di un attacco hacker o un ex collaboratore infedele. Gli hacker infettano il tuo sito e quindi eliminano i tuoi privilegi di amministratore. In questo caso, è necessario aggiungere un utente amministratore al database di WordPress tramite MySQL (phpMyAdmin).[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]

L’Admin si aggiorna quando inserisco login e password

Se quando inserisci login e password l’amministrazione di wordpress ridireziona su se stessa riaggiornando senza farti entrare leggi il nostro articolo su come sbloccare l’admin wordpress bloccato che riaggiorna[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

[vc_row][vc_column][vc_column_text] Anche se  WordPress è veramente facile da usare, ci sono alcuni errori comuni di WordPress che possono mandare le persone che lo usano facilmente nel panico. C’è di buono che gli errori di WordPress che vedi sul tuo sito sono molto probabilmente già conosciuti, segnalati e risolti da qualcuno. Su WP-Assistenza, abbiamo scritto tutorial su come correggere diversi errori di WordPress. In questo articolo, tratteremo i 25 errori più comuni di WordPress e ti mostreremo come correggere tutti questi errori comuni di WordPress.[/vc_column_text][vc_empty_space el_id=”sommario”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]Importante: prima di provare a correggere qualsiasi errore di WordPress, assicurati di avere un backup completo del tuo sito WordPress. È possibile utilizzare BackupBuddy o utilizzare presto un tutorial per creare manualmente un backup di WordPress che metteremo in rete.

Poiché si tratta di un lungo articolo, abbiamo creato un indice di seguito per facilitare la tua navigazione.

Sommario

[/vc_column_text][vc_empty_space][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_single_image image=”2645″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-internal-server-error”][vc_column_text]

1. Come risolvere l’errore interno del server(internal server error)

Errore interno del server

Forse l’errore WordPress più difficile che un principiante può incontrare è “l’Errore interno del server”, o talvolta “500 Errore interno del server”.

Questo errore di solito appare quando c’è qualcosa di sbagliato, ma il server non è in grado di identificare dove si trova il problema. Dal momento che il messaggio di errore non indica dove devi cercare l’errore, quindi praticamente tocca a te cercarlo.

Presto ti daremo un elenco di soluzioni che puoi provare e una di queste ti aiuterà a risolverlo. [Come aggiustare l’errore 500 internal server error]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2646″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-sintassi-wordpress”][vc_column_text]

2. Come correggere l’errore di sintassi in WordPress

Errore di sintassi in WordPress

Questo errore si verifica in genere quando tenti di aggiungere snippet di codice su WordPress e accidentalmente ti perdi qualcosa o il codice ha una sintassi errata. Ciò si tradurrà in un errore di analisi PHP e vedrai un avviso del tipo:

Parse error- syntax error, unexpected $end in /public_html/site1/wp-content/themes/my-theme/functions.php on line 278

Il messaggio di errore indica quale cosa inaspettata è spuntata fuori nel codice e la posizione dello script in cui si è verificato l’errore con il numero di riga. Per risolvere questo problema, dovrai correggere la sintassi. La maggior parte delle volte è una parentesi che manca o un carattere inaspettato nel codice. [Correggere l’errore di sintassi in WordPress]

[Torna all’inizio ↑]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2647″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-connessione-database-wordpress”][vc_column_text]

3. Come risolvere l’errore di connessione al database in WordPress

Errore durante la creazione della connessione al database

In questo messaggio di errore è ben chiaro che il tuo sito web non è in grado di connettersi al database. Tuttavia risolvere questo errore può essere complicato per i principianti.

Solitamente ciò si verifica quando cambi le tue credenziali di database (host di database, nome utente del database e password del database) in modo errato. A volte il server del database potrebbe non rispondere o il database potrebbe essere danneggiato.

Tuttavia, per lo più si tratta di credenziali di accesso al database non corrette. E’ in arrivo un articolo che elenca le soluzioni più comuni per questo problema. [Risolvere  errore di connessione al database di WordPress]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2648″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”schermo-bianco-morte”][vc_column_text]

4. Come risolvere il WordPress White Screen of Death

Schermo bianco di errore su WordPress

Questo errore di solito si traduce in una semplice schermata bianca senza alcun messaggio di errore. Questo lo rende il più sconcertante perché non hai idea di dove guardare e cosa aggiustare.

Il più delle volte è causato da uno script che esaurisce il limite di memoria di PHP. Può anche accadere a causa di una configurazione sul server. È anche possibile che un utente veda solo una schermata bianca della morte su alcune sezioni del proprio sito. [come riparare lo pagina bianca della morte di WordPress]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2649″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-404″][vc_column_text]

5. Come risolvere i messaggi WordPress errore 404

Post WordPress restituendo errore 404

I sintomi di questo errore sono questi: quando un utente visita un singolo post sul tuo sito riceve una pagina con scritto 404 – pagina non trovata.

L’utente può sfogliare tutte le altre sezioni del tuo sito tranne quella pagina. La causa più comune di questo problema sono le impostazioni dei permalink di WordPress. Per risolvere questo problema, dovrai riconfigurare le impostazioni dei permalink o aggiornare manualmente le regole di scrittura.

[Correggere i post WordPress con errori 404].

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2650″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-contenuto-barra-laterale-wordpress”][vc_column_text]

6. Come risolvere la barra laterale che va a capo su WordPress

Barra laterale che appare sotto il contenuto

Un altro problema comune per i principianti è quando la barra laterale appare sotto il contenuto quando dovrebbe apparire accanto al contenuto. Questo problema è causato principalmente da temi WordPress.

A volte, quando gli utenti aggiungono frammenti di codice al loro sito, potrebbero accidentalmente dimenticarsi di chiudere un tag div html o aggiungere un div di chiusura aggiuntivo che potrebbe comportare la rottura del layout del tema. Un’altra causa comune è l’utilizzo di larghezze sproporzionate nei CSS o non la cancellazione corretta del float. [Come correggere la barra laterale WordPress che va a capo]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2651″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”testo-bianco-editor-visuale-wordpress”][vc_column_text]

7. Come risolvere il testo bianco e i pulsanti mancanti nell’Editor Visuale WordPress

Pulsanti mancanti nell’editor visuale TinyMCE di WordPress

A volte i pulsanti dell’editor visuale di WordPress possono scomparire o iniziare a mostrare spazi bianchi, vuoti invece di pulsanti.

Questo problema può verificarsi quando JavaScript non funziona. Potrebbe anche essere causato dai file di TinyMCE mancanti o corrotti, o in conflitto con qualche altro plugin che modifica o estende TinyMCE fornito con WordPress. [Correggi il testo bianco e i pulsanti mancanti nell’editor visuale di WordPress]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2652″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-wordpress-aumenta-limite-memoria”][vc_column_text]

8. Correzione: Errore esaurita memoria WordPress – Aumentare la memoria PHP

Errore nella dimensione della memoria

Le indicazioni di questo errore potrebbero essere una schermata bianca della morte o un messaggio di errore come questo:

Fatal error: Allowed memory size of 33554432 bytes exhausted (tried to allocate 2348617 bytes) in /home/username/public_html/site1/wp-includes/plugin.php on line xxx

Questo errore si verifica quando uno script WordPress o un plug-in esaurisce il limite di dimensioni di memoria allocata predefinito. [Aumentare memoria WordPress]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2653″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”non-accedo-area amministrativa”][vc_column_text]

9. Cosa fare quando sei bloccato da WordPress Admin (wp-admin)

Bloccato dall’area amministrativa di WordPress

A volte potresti trovarti bloccato fuori dall’area amministrativa di WordPress. Ciò potrebbe accadere se hai dimenticato la password e non riesci ad accedere all’email di recupero della password.

Un plug-in o codice che agisce erroneamente sulla sezione admin può anche bloccarti. Quindi potresti perdere l’accesso all’area di amministrazione a causa di un sito WordPress compromesso. [ Risolvere il problema di amministrazione di WordPress bloccata]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2657″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”aggiornamento-reindirizzamento-admin-wp”][vc_column_text]

10. Come risolvere il problema di aggiornamento e reindirizzamento della pagina di accesso di WordPress

Errore refresh e reindirizzamento login di WordPress

I sintomi di questo problema sono che quando un utente tenta di accedere alla bacheca di WordPress, viene reindirizzati da WordPress alla pagina di login.

La maggior parte delle volte accade a causa di valori errati per i campi url del sito e home URL nella tabella delle opzioni di WordPress. Può anche essere causato da impostazioni permalink configurate in modo non corretto o dall’impostazione di reindirizzamenti nel file .htaccess. [Risolvere il problema di admin WordPress bloccato che riaggiorna ]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2658″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-caricamento-immagini”][vc_column_text]

11. Come risolvere il problema di caricamento dell’immagine in WordPress

Problemi di caricamento delle immagini in WordPress

A volte un utente si accorge improvvisamente che tutte le immagini dal loro sito sono sparite e mostrano i segnaposto delle immagini spezzate. Quando l’utente tenta di caricare un’immagine su un post utilizzando l’uploader multimediale, si traduce in un errore.

Tutti questi file nella libreria multimediale appariranno non funzionanti. Questo errore si verifica a causa di autorizzazioni errate di file e directory in un’installazione di WordPress. Un numero di fattori può causare questo problema.

[Correggi i problemi di caricamento delle immagini in WordPress – a breve]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2659″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”problemi-immagini-comuni”][vc_column_text]

12. Come risolvere i problemi di immagini più comuni in WordPress

Problemi di immagini in WordPress

Il caricamento di immagini su un sito WordPress può confondere i novizi di WordPress. Un utente potrebbe non riuscire ad allineare le immagini, ridimensionarle o ritagliarle o visualizzarle in formato galleria.

Questo non è un errore o un problema in WordPress. Hai solo bisogno di familiarizzare con come WordPress gestisce i media. [Risolvere i problemi comuni delle immagine di WordPress ]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2660″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-sicuro-voler-questo”][vc_column_text]

13. Come risolvere “Sei sicuro di volerlo fare?” Errore in WordPress

Sei sicuro di voler fare questo errore in WordPress

Gli utenti possono incontrare questo errore nell’area di amministrazione di WordPress. La causa più comune di questo errore è un plugin o un tema che non utilizzato correttamente Nonce.

I Nonce sono speciali chiavi di sicurezza che possono essere aggiunte agli URL quando si esegue un’azione di amministrazione in WordPress. A volte un plug-in o un tema potrebbero utilizzarlo in modo errato e ciò potrebbe comportare che gli utenti vedano questo errore.

[Risolvi l’errore sei sicuro di volerlo fare di WordPress]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2667″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-manutenzione-programmata”][vc_column_text]

14. Come risolvere errore Briefly Unavailable for Scheduled Maintenance Error su WordPress

WordPress non disponibile per errori di manutenzione

A volte a causa di un aggiornamento di WordPress incompleto o interrotto, potresti visualizzare l’errore “Breefly Unavailable for Scheduled Maintenance” su WordPress.

Quello che succede è che WordPress mette il tuo sito in modalità di manutenzione durante un aggiornamento. Se per qualche motivo l’aggiornamento viene interrotto, WordPress non ha la possibilità di far uscire dalla modalità di manutenzione il sito. Questo errore bloccherà l’intero sito e lo renderà non disponibile per gli amministratori e i visitatori. [Risolvere errore Breefly Unavailable for Scheduled Maintenance]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2672″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”non-invia-email”][vc_column_text]

15. Come risolvere quando WordPress Non invia il notifiche sulla posta elettronica

Correzione di WordPress che non invia notifiche email

Il sintomo più comune di questo problema è che ricevi alcuna richiesta dai moduli di contatto o e-mail di notifica WordPress dal tuo sito.

Questo problema è in genere causato dal fatto che la maggior parte dei provider di hosting condiviso disabilita o limita il modulo utilizzato per l’invio di e-mail per impedire l’abuso dei propri server. [Risolvere quando WordPress non invia il notifiche sulla posta elettronica]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2673″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”correggere-errori-RSS”][vc_column_text]

16. Come correggere gli errori di feed RSS di WordPress

Risolvere errori di feed RSS in WordPress

La maggior parte degli errori di feed RSS di WordPress sono causati da una cattiva formattazione. Potresti vedere errori come questi:

XML Parsing Error: XML or text declaration not at start of entity
Location: http://example.com/feed
Line Number 2, Column 1:

A seconda del browser in uso, il messaggio di errore del feed RSS potrebbe variare. Puoi anche vedere questo messaggio di errore quando visiti il tuo feed in un browser.

Warning: Cannot modify header information – headers already sent by (output started at /home/username/example.com/wp-content/themes/twentysixteen/functions.php:433) in /home/username/example.com/wp-includes/pluggable.php on line 1228

WordPress genera feed RSS in XML, che è un linguaggio di marcatura rigoroso. Un’interruzione di riga mancante o una scheda aggiuntiva possono interrompere il feed RSS. [Risolvere errori di feed RSS di WordPress]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2674″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-403-forbidden”][vc_column_text]

17. Come risolvere l’errore 403 Forbidden in WordPress

403 Errore Forbidden

403 Il codice di errore Forbidden viene visualizzato quando le autorizzazioni del server non consentono l’accesso a una pagina specifica. Questo è il motivo per cui l’errore è solitamente accompagnato dal testo:

403 Forbidden – You don’t have permission to access ‘/’ on this server.
Additionally, a 403 Forbidden error was encountered while trying to use an ErrorDocument to handle the request.

Esistono diversi scenari in cui è possibile visualizzare questo errore. I colpevoli più comuni sono i permessi di file errati, plug-in di sicurezza mal costruiti o configurazione del server. [Risolvere Forbidden 403 in WordPress]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2676″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-eccessivi-reindirizzamenti”][vc_column_text]

18. Come risolvere l’errore Troppi redirect Problema in WordPress

Troppi errori di reindirizzamento in WordPress

Questo errore si verifica in genere a causa di un problema di reindirizzamento configurato in modo errato. Come sai, WordPress ha una struttura URL friendly che usa la funzione di reindirizzamento. Molti altri popolari plugin di WordPress utilizzano anche la funzionalità di reindirizzamento.

A causa di un errore di configurazione in uno di questi strumenti di reindirizzamento, il tuo sito potrebbe finire per reindirizzare gli utenti a un URL che li sta effettivamente reindirizzando all’URL di riferimento. In tal caso, il browser dell’utente viene intrappolato tra due pagine causando un loop di reindirizzamento. [Risollvere il problema troppi reindirizzamenti in WordPress]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2671″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-upload”][vc_column_text]

19. Come risolvere il problema “Upload: Failed to Write File to Disk su WordPress

Upload: Failed to Write File to Disk su WordPress

Questo errore può verificarsi a causa di una serie di motivi. Tuttavia, il più comune sono i permessi di cartella errati.

Ogni file e cartella sul tuo sito web ha una serie di permessi. Il tuo server web controlla l’accesso ai file in base a queste autorizzazioni. Autorizzazioni errate su una cartella possono togliere la possibilità di scrivere file sul server. Ciò significa che il tuo server web non può creare o aggiungere nuovi file a quella particolare cartella. [Correggere “impossibile scrivere file su disco“]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”2668″ img_size=”full”][vc_empty_space el_id=”errore-programmi-dannosi”][vc_column_text]

20. Come risolvere “Questo sito che stai per visitare contiene programmi dannosi” Errore  WordPress

Errore programmi dannosi in Google Chrome

Google contrassegna un sito Web con questo avviso se trova codice sospetto che potrebbe essere interpretato come un malware o un trojan. A volte il motivo è che il un sito web viene violato e poi utilizzato per distribuire codice dannoso.

Un altro motivo comune per questo errore è la visualizzazione di annunci da reti pubblicitarie di bassa qualità. Queste reti possono talvolta visualizzare annunci che si collegano a siti Web che distribuiscono codice dannoso. [correggere errore “Il sito che stai per visitare contiene programmi dannosi WordPress“]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”3313″ img_size=”full”][vc_empty_space][vc_column_text]

21. Come risolvere “WordPress continua a sloggarsi” Errore  WordPress


WordPress imposta un cookie nel browser per autenticare una sessione di accesso. Questo cookie è impostato per l’URL di WordPress archiviato nella sezione delle impostazioni. Se accedete da un URL che non corrisponde a quello nelle vostre impostazioni di WordPress, WordPress non sarà in grado di autenticare la vostra sessione. [correggere errore “WordPress continua a disconnettersi“]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][vc_single_image image=”3313″ img_size=”full”][vc_empty_space][vc_column_text]

22. Come risolvere “Errore 502 Bad Gateway” Errore  WordPress


WordPress imposta un cookie nel browser per autenticare una sessione di accesso. Questo cookie è impostato per l’URL di WordPress archiviato nella sezione delle impostazioni. Se accedete da un URL che non corrisponde a quello nelle vostre impostazioni di WordPress, WordPress non sarà in grado di autenticare la vostra sessione. [correggere errore “WordPress continua a disconnettersi“]

[Torna all’inizio ↑][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Creare un Sito Web da solo?

Vuoi creare il tuo sito WordPress da solo? OK! Vuoi farlo nel modo giusto?
Sappiamo che l’avvio di un sito web può essere un pensiero terrificante specialmente quando non sei uno specialista. Indovina un pò – non sei il solo. Dopo avere aiutato oltre 130.000 utenti a iniziare a creare il proprio sito web, abbiamo deciso di creare la guida più completa su come avviare un sito web, con WordPress senza avere alcuna conoscenza tecnica.

Segui tutti i nostri articoli e ci riuscirai anche tu.

Il processo è facile da seguire che tu abbia 20 anni o 60 anni. Tuttavia, se hai bisogno di aiuto, il nostro team di esperti ti aiuterà a configurare il tuo blog gratuitamente.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”10px”][vc_btn title=”Clicca qui per ottenere il tuo blog gratuito WordPress Setup!” color=”orange” link=”url:https%3A%2F%2Fwww.wp-hosting.it%2F||target:%20_blank|”][vc_column_text]

Di cosa hai bisogno per creare un sito web?

Ci sono tre cose che devi fare per iniziare a creare un Sito Web:

Un’idea del nome del dominio (questo sarà il nome del tuo sito i.e swp-assistenza.it)
Uno spazio web hosting (questo è lo spazio in cui il tuo sito web vive su internet)
La tua attenzione assoluta per 30 minuti.
Sì, hai letto bene. Puoi creare un sito da zero in meno di 30 minuti e ti guideremo attraverso l’intero processo, passo dopo passo.

In questo tutorial, tratteremo:

  • Come registrare un nome di dominio
  • Come scegliere il miglior Web Hosting
  • Come installare WordPress
  • Come cambiare il tuo tema
  • Come scrivere il tuo primo post sul blog
  • Come personalizzare WordPress con i plugin
  • Come aggiungere un modulo di contatto
  • Come impostare il monitoraggio di Google Analytics
  • Come ottimizzare il tuo sito web per SEO
  • Come guadagnare dal tuo blog
  • Risorse per apprendere e padroneggiare il cms WordPress

Pronto? Iniziamo.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”10px”][vc_column_text]

Passaggio 1. Installazione

Il più grande errore che i principianti fanno quando si avvia un blog, è la scelta della piattaforma di blogging sbagliata.
Per fortuna sei qui, quindi non farai questo errore.

Per il 95% degli utenti, ha più senso usare WordPress.org, noto anche come WordPress self-hosted.

Perché?

Perchè è gratuito, puoi installare plug-in, personalizzare il design del tuo sito e, soprattutto, fare soldi dal tuo sito senza alcuna restrizione (vedi la differenza tra WordPress.com vs WordPress.org).

Ora probabilmente hai sentito che WordPress è gratuito.

Potresti chiederti perché è gratuito? Qual è il trucco?

Non c’è trucco. È gratuito perché devi eseguire l’installazione e metterla su uno spazio web, e poi lavorarci da solo.

In altre parole, hai bisogno prima di tutto di un nome a dominio e di un web hosting.

Un nome a dominio è ciò che le persone digitano per accedere al tuo sito web. È l’indirizzo del tuo sito Web su Internet. Un esempio di nome a dominio?

[/vc_column_text][vc_empty_space height=”10px”][vc_message]Esempi di nome a dominio? Pensa a Google.com o Sito-wp.it. Sono nomi a dominio di siti internet esistenti.[/vc_message][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”10px”][vc_column_text]L’Hosting Web è il luogo in cui il tuo sito web vive e viene raggiunto dagli utenti. È la casa del tuo sito web su Internet. Ogni sito web ha bisogno di uno spazio Hosting. Un nome a dominio costa in genere da 7 a 10 € l’anno e il web hosting costa normalmente  dai 7,00 € al mese in su.[/vc_column_text][vc_empty_space height=”10px”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]Sono costi che a volte sembrano un pò elevati per chi vuole creare da se il proprio sito web e sta cominciando.

Grazie a WP-Hosting che si occupa di creare piani hosting dedicati a chi vuole implementare un sito con WordPress  potrai accedere ad un offerta dedicata e acquistare piano Hosting con un risparmio vicino al 60%.

WP-Hosting è una società di web hosting, nata nel 2007. E’ il marchio numero 1 quando si tratta di hosting WordPress perché ospitano migliaia di siti web tra cui il nostro.

Oltre a tutto ciò, WP-Hosting lavora con WordPress dal 2008 e si impegna a restituire sotto forma di implementazioni.

Questo è il motivo per cui ci hanno promesso che se non riuscirai a portare il tuo blog online entro 30 minuti seguendo questo tutorial, il nostro team di esperti completerà il processo per te senza alcun costo ulteriore. Ci pagheranno direttamente loro, quindi non devi sborsare un euro. Contattaci direttamente per assistenza gratuita per l’impostazione di WordPress, una volta acquistato.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”10px”][vc_message]NOTA: in WP-assistenza crediamo nella trasparenza. Se ti iscrivi a WP-Hosting utilizzando il nostro link di riferimento, guadagneremo una piccola commissione senza alcun costo aggiuntivo per te (infatti, risparmierai denaro e otterrai un dominio incluso nel prezzo). Avremmo questa commissione per raccomandare praticamente qualsiasi azienda di hosting WordPress, ma raccomandiamo solo prodotti che utilizziamo personalmente e che crediamo aggiungeranno valore ai nostri lettori.[/vc_message][vc_empty_space height=”10px”][vc_column_text]Andiamo avanti e acquistiamo il tuo Dominio + Hosting.

Apri WP-Hosting.it in una nuova finestra e vai avanti.

Per prima cosa devi fare clic sul pulsante “Acquista” per iniziare.

inizio hosting wordpress

Inizia con WP-Hosting

Nella schermata successiva, seleziona il piano di cui hai bisogno (Professional e Business sono i più popolari).

Successivamente, ti verrà chiesto di inserire il nome di dominio per il tuo sito web.

registra-dominio

Seleziona il tuo nome di dominio

Infine, dovrai completare le informazioni sul tuo account e completare le informazioni sul pacchetto per completare il processo. Clicca su “Check“, se il dominio è disponibile, scorri la pagina e clicca il pulsante “Continua”.

A questo punto ti apparirà una schermata di riepilogo in cui la nostra attivazione si attiverà e potrai avere il dominio in omaggio.

riepilogo-acquisto

Scorri la pagina e clicca sul pulsante verde “Checkout”

E completa l’acquisto, compilando con i tuoi dati il Modulo di registrazione qui sotto

modulo registrazione

Compila e Acquista

Inserisci i dati di pagamento nei campi successivi e poi clicca su Completa ordine.

Hosting Acquistato è ora di Iniziare a creare un sito

Una volta completato, riceverai un’email con i dettagli su come accedere al tuo pannello di controllo di hosting web (cPanel). Qui è dove gestisci tutto, dal supporto, e-mail, tra le altre cose. Ma soprattutto, questo è il pannello in cui si installa WordPress.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”10px”][vc_column_text]

Passaggio 2. Installa WordPress

Nel cPanel, vedrai decine di piccole icone per diversi servizi e funzionalità. Questo può essere un po ‘travolgente, quindi ignorane il 95% perché non dovrai mai usarli.

Scorri verso il basso fino alla sezione del sito web che si chiama Software e Servizi e fai clic sull’icona di Softaculus.

area-software-servizi

Installa WordPress da cPanel

Verrai reindirizzato alla schermata di installazione di tutti i CMS disponibili come WordPresss o Joomla. Tu porta il cursore del Mouse su WordPress come nell’immagine qui sotto e clicca “Installa”.

cms disponibili

Nella schermata successiva, ti verrà chiesto di selezionare prima di tutto il protocollo da utilizzare, seleziona il protocollo che preferisci, e poi seleziona il nome a dominio che hai scelto per il tuo sito.

scegliere-protocollo-dominio Scegli il dominio dal menu a discesa e quindi fai clic su Avanti.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”10px”][vc_column_text]

Inserisci il tuo nome di dominio – Installazione di WordPress

Dopodiché, devi selezionare il nome del sito

scegliere_dominio

Inserisci il nome e una descrizione del tuo sito negli appositi spazi

scegliere_dominio

Infine il nome utente e una password per il tuo sito e seleziona l’email dell’amministratore(cioè tu) che riceverà i dati di accesso.

dati-amministrativi

e quindi fare clic su Installa.

Installare WordPress con Cpanel

QuickInstall inizierà l’installazione di WordPress.

wordpress_installato

Non c’è bisogno di farlo adesso. Ti mostreremo come ottenere gratuitamente temi WordPress nel passaggio successivo.

Una volta terminata l’installazione di WordPress, verrà visualizzata la notifica di successo nella barra di intestazione superiore.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”10px”][vc_column_text]

Installazione di WordPress completata

Fai clic sul collegamento al tuo sito che compara nella pagina di avvenuta installazione di Installazione completata e ti porterà al tuo sito, che apparirà inizialmente più o meno così :

sito-wordpress-base

Ora per modificarlo graficamente raggiungi il tuo pannello di controllo. Per trovarlo guarda nella schermata di Installazione completata, trovi l’url sotto il dominio principale (finisce con /wp-admin).

wordpress_installato

Una volta raggiunto inserisci login e password che avevi precedentemente creato, e sei dentro.

Se vuoi sapere altri metodi per installare WordPress visita la nostra guida su come installare WordPress[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_single_image image=”2400″ img_size=”full”][vc_empty_space height=”10px”][vc_column_text]

Personalizzare il sito web – Creare un sito

Personalizzare l’aspetto del tuo sito è di gran lunga la parte più eccitante e gratificante nel percorso di creazione del tuo sito con WordPress.
Esistono migliaia di temi, costruiti per WordPress che puoi installare sul tuo sito. Alcuni di loro sono gratuiti, mentre altri sono a pagamento, ad esempio quelli di tipo premium.

Come cambiare il tema Wordress

Per cambiare il tema vai sul tuo pannello di WordPress e clicca su Aspetto »Temi.

modificare tema wordpress

Vai avanti e fai clic sul pulsante Aggiungi nuovo tema.

Nella schermata successiva, sarai in grado di cercare tra 5600 + temi gratuiti per WordPress disponibili nella directory dei temi di WordPress.org ufficiale. Puoi ordinare i filtri per : più popolari, più recenti, in primo piano e altri (per esempio: industria, layout, ecc.).

aggiungere tema wordpress

Vai avanti e fai clic sul pulsante Aggiungi nuovo tema.

Nella schermata successiva, sarai in grado di cercare da 5600+ temi gratuiti per WordPress disponibili nella directory dei temi di WordPress.org ufficiale. Puoi ordinare i filtri più popolari, più recenti, in primo piano e altri (per esempio: industria, layout, ecc.).

filtri ricerca temi wordpress

Passando il mouse su un tema e vedrai un pulsante Anteprima. Cliccando su si aprirà l’anteprima del tema dove potrai vedere come apparirà sul tuo sito web.

attivare tema wordpress

L’anteprima del tuo tema potrebbe non apparire esattamente come mostrato nello screenshot, che è normale, ma potrai personalizzarlo e configurarlo in seguito. Quello che devi cercare è il design, colori, tipografia e altri elementi.

Il miglior consiglio per selezionare il tema WordPress perfetto è cercare la semplicità del design.
Questo ti aiuta a mantenere un messaggio pulito e chiaro offrendo allo stesso tempo una buona esperienza ai tuoi utenti.

installare tema wordpress

Quando hai trovato il tema che ti piace, porta semplicemente il cursore del mouse su di esso e mostrerà il pulsante Installa. Fai clic su di esso e attendi che il tema sia installato.

Successivamente, il pulsante di installazione verrà sostituito con un pulsante Attiva. A quel punto fai clic su Attiva, per attivare il tema.

attivare tema wordpress

Una volta installato il tema, puoi personalizzarlo facendo clic sul collegamento Aspetto >Personalizza nel menu di sinistra.

Se hai bisogno di aiuto per selezionare un tema, consulta la nostra guida su 9 come selezionare un tema WordPress perfetto. Se non sai cosa sia un tema WordPress visita la nostra pagina dedicata a cosa sono i temi WordPress

Una volta attivato il tema WordPress, sei pronto per creare la tua prima pagina sul sito o blog.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”10px”][vc_column_text]

Creare la prima pagina del Sito

Per scrivere la tua prima pagina sul sito, fai clic su Pagine > Aggiungi pagina nel menu a sinistra nella bacheca di WordPress.

creare pagina sito

Vedrai un’area editor in cui puoi scrivere il tuo primo post sul blog.

Una volta che hai finito di scrivere, vai avanti e fai clic sul pulsante Pubblica sulla destra per pubblicare il tuo primo post sul blog.

pubblicare pagina sito

Nella schermata della pagina post, noterai Attributi di pagina. Puoi usarli per organizzare le tue pagine. Se vuoi capire la differenza tra i post e le pagine leggi nella guida WordPress la differenza tra le categorie rispetto ai tag, che raccomandiamo vivamente di leggere.

Per utilizzare i post, leggi nella guida WordPress, come scrivere un post in WordPress.

[/vc_column_text][vc_empty_space height=”10px”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_single_image image=”2349″ img_size=”full”][vc_empty_space height=”10px”][vc_column_text]

Plugin e personalizzazioni

Una volta scritta la tua prima pagina sul sito, vorrai iniziare con l’aggiungere altri elementi usuali sul tuo sito web come moduli di contatto, gallerie, slider, ecc.

Per aggiungere tutte queste funzionalità aggiuntive, è necessario utilizzare i plugin.

I plugin WordPress sono applicazioni che ti permettono di aggiungere nuove funzionalità al tuo sito web.

Ci sono oltre 55.000 plugin WordPress disponibili nella sola directory dei plugin di WordPress. Ciò significa che non importa ciò che vuoi realizzare, c’è un plugin per ogni cosa.

Abbiamo una guida passo passo su come installare un plugin per WordPress.

Detto questo, diamo un’occhiata a come utilizzare i plugin per aggiungere alcune funzionalità essenziali al tuo Sito Web.

[/vc_column_text][vc_empty_space height=”10px”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_single_image image=”2366″ img_size=”full”][vc_column_text]

Come creare un modulo di contatto con WordPress

Ogni sito web ha bisogno di un modulo di contatto. Permette ai tuoi utenti di contattarti direttamente. Dal momento che WordPress non viene fornito con un modulo di contatto incorporato, è necessario un plug-in che ci permetta di creare moduli di contatto WordPress, per aggiungere un modulo di contatto sul tuo sito.

Ti consigliamo di utilizzare il plug-in WPForms Lite. È la versione gratuita del popolare plugin WPForms, che è il n. 1 nella nostra lista dei migliori plugin per i form di contatto per WordPress.

Puoi installare il plugin andando su Plugin »Aggiungi nuovo,

aggiungere plugin

e digitando WPForms nella casella del motore di ricerca.

installare wp forms

Successivamente, fai clic su “Installa ora

attivare-wpforms

e quindi su “Attiva“. Dopo l’attivazione, vai su WPForms»Add new per creare il tuo primo modulo.

Questo aprirà l’interfaccia di WPForms.

Innanzitutto, creiamo un nuovo modulo di contatto e quindi fai clic sul modello “Simple Contact Form”.

creare modulo contatti

WPForms ora creerà un semplice modulo di contatto per te con tutti i campi di cui hai bisogno. Puoi fare clic su qualsiasi campo per modificarlo o aggiungere un nuovo campo trascinandolo dalla colonna di sinistra verso destra dentro il modulo.

modificare modulo di contatto

Una volta che hai finito di modificare il modulo, fai clic sul pulsante SAVE nell’angolo in alto a destra e quindi esci dal generatore di moduli.

Ora puoi creare una nuova pagina in WordPress andando su Pagine »Aggiungi nuovo e chiamarla ‘Contatti’. Nella schermata di modifica, noterai un nuovo pulsante “Add Form”.

pulsante aggiungi modulo

Quando farai clic su di esso, verrà visualizzato un popup in cui selezionare il modulo creato in precedenza e quindi fare clic sul pulsante”Add Form“.

aggiungere modulo contatti

WPForms ora aggiungerà uno shortcode del modulo contatto nella tua pagina.

shortcode modulo contatti

Ora puoi salvare e pubblicare la pagina e poi visitarla nel tuo browser per vedere il modulo di contatto in azione.[/vc_column_text][vc_empty_space height=”10px”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_single_image image=”2371″ img_size=”full”][vc_column_text]

Come agganciare il monitoraggio di Google Analytics

Google Analytics ti aiuta a vedere quante persone visitano il tuo sito, da dove provengono e cosa stanno facendo sul tuo sito web!

È meglio installare Google Analytics all’avvio del tuo sito, in modo che tu possa vedere come è cresciuto nel tempo.

Innanzitutto, devi visitare il sito web di Google Analytics e accedere al tuo account con Gmail.

Una volta superato l’accesso, puoi procedere e iscriverti su un account Google Analytics gratuito.

Se hai bisogno di maggiori informazioni visita la nostra Guida a WordPress e Google Analytics[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”10px”][vc_column_text]

Registrare un account Google Analytics

Ti verrà chiesto di fornire le tue informazioni e l’URL del sito web.

Nell’area Amministratore, Ti verrà mostrato il tuo codice di monitoraggio di Google Analytics.

Puoi fermarti qui perché puoi utilizzare un plug-in per recuperare e aggiungere automaticamente questo codice al tuo nuovo sito web.

Passa all’area amministrativa di WordPress per installare e attivare il plugin MonsterInsights. È la versione gratuita del miglior plug-in di Google Analytics per WordPress è il modo più semplice per aggiungere Google Analytics sul tuo sito.

Rapporti sulle statistiche del sito WebIMG

Per istruzioni dettagliate, consulta il nostro articolo su come installare Google Analytics in WordPress.

Come ottimizzare il tuo sito WordPress per SEO

La maggior parte dei principianti non ottimizza per i motori di ricerca quando creano un sito.

L’ottimizzazione dei motori di ricerca o SEO aiuta gli utenti a trovare il tuo sito nei motori di ricerca. Se vuoi più traffico, è fondamentale ottimizzare il tuo blog per il SEO dall’inizio.

Per iniziare, devi prima installare e attivare il plugin SEO Yoast. È il plugin SEO completo per WordPress che ti aiuterà a ottimizzare il tuo blog.

All’attivazione, vedrai una nuova voce di menu etichettata ‘SEO’. Cliccando su di essa ti porterà alla pagina delle impostazioni dei plug-in.

 

seo

 

Il plug-in viene fornito con una procedura guidata di configurazione rapida per aiutarti a completare la configurazione. Puoi anche seguire le istruzioni nella nostra guida SEO Yoast per l’impostazione manuale.

Ti consigliamo inoltre di seguire la nostra guida completa per impostare il SEO del tuo sito su WordPress.

Altri plugin e personalizzazioni di WordPress

Ci sono un sacco di altri plugin per WordPress che puoi installare. Spesso i principianti lo trovano cercare i plugin di cui hanno bisogno un attività travolgente…ci vuole pazienza.

In WPAssistenza, spesso utilizziamo i migliori plug-in di WordPress per aiutare i nostri clienti ad aggiungere la funzionalità di cui hanno bisogno.

 

fare backup wordpress

Backup – Creare un Sito

UpdraftPlus è il miglior plug-in per il backup di WordPress. Ricordati di fare backup regolari del tuo sito Web nel caso in cui qualcosa vada storto.

 

sicurezza wordpress

Sicurezza – Creare un Sito

Sucuri Security è uno scanner di sicurezza gratuito per WordPress. Abbiamo una guida alla sicurezza WordPress completa passo dopo passo per principianti che ti aiuterà a proteggere il tuo blog.

 

sito veloce

Prestazioni – Creare un Sito

consigliamo di utilizzare WP Super Cache per accelerare WordPress. Per ulteriori informazioni su questo argomento, consulta il nostro articolo sulla velocità e le prestazioni di WordPress con le istruzioni dettagliate.

Hai bisogno di più raccomandazioni? Consulta la nostra selezione di esperti dei plug-in e strumenti WordPress per i siti Web aziendali.

 

siti ecommerce

Guadagna dal tuo blog

Ora che hai creato il tuo sito e lo hai personalizzato a tuo piacimento, probabilmente ti starai chiedendo come posso davvero guadagnare dal mio sito Web?

Esistono in realtà diversi modi per monetizzare con successo il tuo blog. Tuttavia non esiste uno schema per diventare ricchi rapidamente.

Non lasciarti ingannare dalle immagini di auto e palazzi costosi, perché sono tutti falsi. A differenza dei vari articoli del tipo “make money online”, abbiamo creato la guida più completa per guadagnare soldi da un sito web

Domande frequenti (FAQ)

Avendo aiutato migliaia di persone a creare un sito web, abbiamo risposto a molte domande. Di seguito sono elencate le risposte alle domande più frequenti sulla creazione di un sito.

Posso creare un sito senza WordPress?

Sì, ci sono molte altre piattaforme CMS disponibili. Li abbiamo confrontati tutti e WordPress è di gran lunga la migliore soluzione sul mercato per creare un blog con completa proprietà e libertà.

Posso creare un sito senza hosting?

No, non è possibile. L’hosting Web è il luogo in cui sono archiviati i file del tuo sito web. Tutti i siti web hanno bisogno di hosting web.

Quanto costa creare un sito?

Il costo dipende dagli add-on che acquisti. Abbiamo una guida completa su quanto costa creare un sito Web WordPress e consigli su come risparmiare denaro.

Posso creare un sito senza che i miei genitori ne siano a conoscenza?

Sì. Puoi rendere privato il tuo sito WordPress e nasconderlo da Internet.

Posso avviare un sito WordPress e guadagnare con Google Adsense?

Sì, puoi utilizzare il tuo blog WordPress per guadagnare denaro da Google AdSense. Abbiamo una guida passo passo su come aggiungere Google AdSense in WordPress.

Come posso creare un sito e rimanere anonimo?

Se vuoi avere un sito pubblico ma vuoi rimanere anonimo, allora devi assicurarti che il tuo dominio abbia la privacy WHOIS attivata. Spesso le persone usano uno pseudonimo / nickname. Dovresti anche creare un’e-mail unica solo per il tuo blog. Inutile dire, non pubblicare le tue foto o altro sul blog. Per istruzioni più dettagliate, consulta il nostro articolo su come blog in modo anonimo con WordPress.

Come posso aggiungere un podcast al mio sito WordPress?

WordPress facilita l’avvio di un sito e l’aggiunta di un podcast.

Come faccio a trovare idee per scrivere su un blog?

Ecco un’eccellente guida che contiene 103 idee per post su blog di cui puoi scrivere oggi. Ecco un’altra guida su 73 tipi di post sul blog che hanno dimostrato di funzionare.

Posso creare un sito nella mia lingua?

Sì, puoi usare WordPress in altre lingue. È possibile selezionare la lingua durante l’installazione o dalla pagina Impostazioni nell’area amministrativa di WordPress. WordPress è completamente tradotto in più di 56 lingue e parzialmente tradotto in dozzine di altre lingue. Molti temi e plugin Top WordPress sono disponibili anche in più lingue. Puoi anche tradurre un tema o un plugin che desideri utilizzare sul tuo sito web.

Come posso creare un sito in più lingue?

Vuoi iniziare un sito in hindi, spagnolo o in più lingue? Ecco una guida passo passo su come creare un sito Web multilingue in WordPress.

Ci auguriamo che tu abbia trovato utile il nostro tutorial su come avviare un sito WordPress. Puoi anche dare un’occhiata al nostro articolo su 19 suggerimenti utili per indirizzare il traffico verso il tuo nuovo sito WordPress.

Se questo articolo ti è piaciuto, ti preghiamo di iscriverti al nostro canale YouTube per le esercitazioni video di WordPress. Puoi anche trovarci su Twitter e Facebook.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Prima d’iniziare, è fondamentale aver selezionato il web hosting giusto per il tuo progetto WordPress.

Mentre la maggior parte dei siti va bene l’hosting WordPress di base, in alcuni casi potrebbe essere necessario un hosting WordPress di tipo managed.

In questo articolo, presumeremo che tu abbia già installato WordPress e che tutto sia pronto.Se non hai ancora installato visita la nostra guida su come installare WordPress

Detto questo, diamo un’occhiata alle cose che devi fare prima di lanciare il tuo sito WordPress.

1. Installare una soluzione di backup di WordPress

fare backup wordpressInstalla una soluzione di backup per WordPress

Devi sempre configurare una soluzione di backup di WordPress sul tuo sito web. I backup sono come la polizza assicurativa sul tuo sito web. Se qualcosa va storto, puoi sempre recuperarlo.

Ci sono un sacco di buoni plug-in di backup WordPress gratuiti e a pagamento che puoi configurare sul tuo sito web in pochi minuti.

Assicurati che i backup siano pianificati automaticamente e salvati su un servizio di archiviazione cloud come Dropbox, Amazon S3 o Google Drive.

Ti Raccomandiamo l’uso di BackupBuddy, è veloce e facile da configurare. Può anche archiviare i backup in più posizioni. È anche il più facile da ripristinare.

2. Assicurare l’area amministrativa di WordPress

sicurezza wordpress

Proteggere l’area admin di WordPress

WordPress è il sistema di gestione di contenuti più popolare al mondo, WordPress è spesso un obiettivo popolare tra gli hacker. Molti siti WordPress funzionano senza dover affrontare nessuna di queste minacce per anni, ma è sempre meglio essere preparati che affranti per una perdita.

Consulta la nostra lista di 13 consigli vitali e hack per proteggere la tua area amministrativa di WordPress.

Per tutti i nostri siti, impostiamo un Secure firewall che rende il tuo sito estremamente sicuro e ti impedisce di essere attaccato. È sicuramente un buon modo per partire se voui lavorare con il tuo sito.

Il plugin Sucuri è come avere un sistema di allarme privato e guardie sul tuo luogo di lavoro fisico, come l’ufficio.

3. Controlla gli errori 404 sul tuo sito

errore 404

Risolvere errori 404

Su un sito nuovo di zecca, gli errori 404 possono creare un’esperienza utente negativa. Devi assicurarti che tutte le pagine del tuo sito web vengano caricate correttamente e che non vi siano collegamenti mancanti.

Se hai già aggiunto il tuo sito allo Strumento per i Webmaster di Google, puoi trovare pagine contenenti errori 404 nel rapporto di ricerca per l’indicizzazione.

Per un nuovo sito web, è probabile che tu non abbia aggiunto il tuo sito a Google Search Console o strumenti per i Webmaster. In questo caso, dovrai sfogliare manualmente il tuo sito e assicurarti che tutto funzioni come previsto. Se disponi di molti contenuti, puoi consultare innanzitutto le pagine più importanti, come contatti, contatti, registrazioni o pagine di accesso, ecc.

Puoi configurare avvisi via email per ricevere notifica della presenza di errori 404 sul tuo sito WordPress. In questo modo puoi monitorarli e correggerli facilmente.

4. Imposta l’email per il tuo sito WordPress

Assicurati che le tue e-mail WordPress siano inviate e consegnate

Non riuscire a inviare o ricevere e-mail dal tuo sito WordPress è uno degli errori più comuni di WordPress. Alcune delle tue notifiche via email potrebbero essere pubblicate, ma alcune potrebbero non esserlo.

Il motivo è che la maggior parte dei server di posta considera lo spoofing delle e-mail quando l’indirizzo e-mail del mittente non corrisponde al dominio o al server di origine.

Consultar la nostra guida su come aggiustare WordPress non inviare problema di posta elettronica.

5. Controlla tutti i moduli sul tuo sito

controllare i moduli contatto wordpress

Testare tutti i modulidi contatto

Una volta impostata l’email, la prossima cosa che devi fare è assicurarti che tutti i moduli sul tuo sito funzionino. Testa i moduli di contatto, i moduli di commento, i moduli di iscrizione via email e così via. Assicurati che ogni modulo sul tuo sito funzioni correttamente.

Controlla la tua lista di e-mail e invia e-mail di prova per confermare che le tue e-mail vengano consegnate alla mailing list corretta. Se non stai creando una mailing list, allora devi leggere il nostro articolo sul perché iniziare a costruire una tua mailing list subito.

Se gestisci un sito WordPress multi-autore o multiutente, controlla i tuoi moduli di accesso e registrazione. Accedi con diversi ruoli utente per verificare se è necessario rimuovere elementi non necessari dall’area di amministrazione di WordPress per gli account utente.

6. Siti web e-commerce

siti ecommerce

Controllo delle funzionalità di e-commerce

I siti web di e-commerce devono controllare più approfonditamente gli aspetti relativi all’esperienza utente dei loro siti web.
Devi metterti nei panni dell’utente e provare a sfogliare i prodotti, aggiungerli al carrello e persino eseguire transazioni di prova per assicurarti che tutto funzioni senza problemi e in modo impeccabile.

Se vendi beni digitali, assicurati che vengano consegnati immediatamente. Per i beni fisici dovrai controllare i tuoi sistemi per assicurare il regolare completamento degli ordini.

Alcune altre cose che devi controllare sono: ricevute, fatture, calcolo dei costi di spedizione, tasse, etc.

7. Controllare immagini, video, cursori

compressione immagini

Ispeziona tutti i formati

Immagini e video rendono il web moderno più interattivo. Assicurati che tutte le immagini sul tuo sito web vengano caricate correttamente. Consulta le nostre guide su come accelerare WordPress ottimizzando le immagini per il web.

Dovresti riprodurre i video sul tuo sito web utilizzando diversi dispositivi e browser per assicurarti che funzionino come previsto.

Se utilizzi un plug-in per lo slider WordPress, assicurati che lo slider funzioni su tutti i browser e i dispositivi, esattamente come volevi.

8. Test delle integrazioni sociali

social media integrazione

Controlla che le integrazioni con i Social media funzionino

I social media svolgono un ruolo molto importante nel lancio di successo di qualsiasi prodotto. Devi assicurarti di non disperdere questo bene.

Assicurati che gli utenti possano trovare i modi per connettersi al tuo sito web su piattaforme social come Twitter, Facebook, YouTube, Instagram, ecc.

Devi confermare che i plug-in di condivisione social sul tuo sito web funzionino correttamente.

È anche utile abilitare le schede Twitter, i meta-dati di Facebook Open Graph e gli strumenti di monitoraggio social.

9. Test delle prestazioni

Velocità sito web

Testa tutte le prestazioni del tuo sito

I problemi legati alle prestazioni sono di solito la preoccupazione principale durante la fase di sviluppo di un sito web. Ma ora che stai per avviare il tuo sito web, è tempo di testare il tuo sito web ancora una volta.

Controlla il tuo sito web per la velocità utilizzando strumenti come Pingdom e strumento Google Pagespeed. La velocità non è importante solo per l’esperienza utente, è anche un importante fattore SEO.

Uno dei modi migliori per velocizzare il tuo sito WordPress è l’installazione di un plugin di memorizzazione nella cache come W3 Total Cache o WP Super Cache e utilizzare un CDN come MaxCDN.

La maggior parte delle aziende di hosting WordPress gestite come WPEngine sono dotate di cache incorporata e includono CDN e backup come parte del loro piano.

10. Installa Google Analytics

google analyticsInstalla il plugin di Google Analytics

Non puoi migliorare senza sapere come i tuoi lettori interagiscono con il tuo sito web.

Google Analytics è il modo più semplice per monitorare il modo in cui i tuoi lettori interagiscono con il tuo sito web. Ti dice da dove provengono i tuoi visitatori, cosa vedono sul tuo sito, quando se ne vanno e cosa sta facendo il tuo sito.

È importante installare Google Analytics prima del lancio, in modo da poter tenere traccia di quanto hanno reso gli sforzi del lancio.
Ti aiuterà anche a mantenere un record storico del giorno in cui lo hai lanciato e quanto è cresciuto il tuo sito da allora.

Consulta la nostra guida su come installare Google Analytics in WordPress. Se trovi l’interfaccia di Google Analytics un po ‘opprimente, non preoccuparti, . Consulta la nostra guida per principianti su come utilizzare Google Analytics per il tuo sito WordPress.

11. Controlla le impostazioni SEO

seo impostazioni sito web

SEO il fattore dei fattori

I motori di ricerca sono tra le migliori fonti di traffico gratuito coerente per la maggior parte dei siti web. L’ottimizzazione del tuo sito web per i motori di ricerca può aiutarti a far crescere il tuo traffico in modo costante dopo il lancio.

Usiamo plugin Yoast SEO su tutti i nostri siti web. È un software di ottimizzazione del sito completo per WordPress. Dai un’occhiata al nostro tutorial su come installare e configurare il plugin SEO WordPress di Yoast per massimizzare il potenziale SEO del tuo sito.

Questo è tutto, speriamo che questo articolo ti abbia aiutato a preparare la tua lista di cose da fare prima di lanciare il tuo sito WordPress. Potresti anche voler vedere il nostro elenco di 40 strumenti utili per gestire e far crescere il tuo blog WordPress.